2nd edition 2018-2020

2nd edition 2018-2020

Fulmen

di Aila Howe , Elvira Girtelli , Giuseppe Rucco e Gabriele Malacario

L’opera intitolata Fulmen nasce dall’idea di rappresentare il fenomeno atmosferico del fulmine in un linguaggio più diretto.
Abbiamo parallelamente fatto riferimento a Nietzsche, il quale, considera il fulmine un’immagine, un effetto visivo che spezza in modo violento e talvolta brutale il mondo e la vita dell’uomo.
Fulmine, metafora della distruzione di vecchi paradigmi di pensiero e fantasmi morali che fungono da parassiti della linfa vitale dell’uomo.

Il fenomeno rappresentato è legato all’elettricità la cui carica, a livello
microscopico, sarebbe generata dalle particelle di carica negativa presenti sulla nube che vengono attratte da quelle positive presenti nel suolo.
La variazione di colore prodotte dal fenomeno, dipendenti dalla presenza di pulviscolo, gas, umidità nell’aria, ci ha ispirato per quanto riguarda la
scelta cromatica dell’illuminazione.
La loro colorazione, tipicamente rosso-blu, è dovuta alla forte presenza nell’atmosfera terrestre del gas azoto; avvicinandosi al terreno, la pressione atmosferica aumenta a causa della gravità e con essa la concentrazione del gas nell’aria.

L’opera sarà realizzata con una serie di fasce in lega di ottone larghe circa cm.2 con piegature a zig zag che alludono, per l’appunto, alla forma delle saette.
Le suddette fasce, seguendo un andamento verticale, verranno inserite in una cornice rettangolare in legno di multistrato trattato e successivamente dipinto di un bianco sporco.
La cornice, nella parte retrostante, presenta delle scanalature lungo tutto il perimetro per permettere l’inserimento di una striscia di illuminazione a LED.
L’illuminazione posta sul lato corto superiore, andrà a crea un gioco di luce ombre che richiama il fenomeno del fulmine.

MATERIALI: listelli di legno multistrato a sezione rettangolare, stucco, colori acrilici, fasce in metallo di ottone piegato a zig zag, striscia LED blu adesiva, cartoncino, tinta madre nera,
STRUMENTI: sega a nastro, pennelli, carta vetro, squadrette, compasso, squadro.

Docenti: Giovanna Panza

Scuola: – Napoli

In mostra nella tappa:

  • Esposizione nazionale II edizione (2018-2020)
  • Napoli 2021

Altre foto